x
Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Anno VI/VII - N° 30-31

Rivista on-Line della Fondazione Prof. Massimo D'Antona

Novembre 2018/Febbraio 2019

Rivista on-Line della Fondazione Prof. Massimo D'Antona

Anno VI/VII - N° 30-31

Novembre 2018/Febbraio 2019

Tavola Rotonda - “Rilancio dei servizi per l’impiego tra realtà ed utopia”

Presentazione

Roma, 21 dicembre 2018
Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

di Palmina D’Onofrio [*]

Palmina Donofrio 30 31

Donofrio 30 31 2Buongiorno e grazie a tutti voi per averci onorato della vostra presenza. È un onore per me presiedere la Fondazione intitolata alla memoria del Prof. D’Antona ed è un onore avere la presidenza di questo evento. È un evento ormai periodico molto importante per la Fondazione D’Antona che viene svolto una volta all’anno. Come avrete letto nella lettera di invito, l’incontro di oggi verte su due momenti significativi:

a) una tavola rotonda che vedrà quali protagonisti esperti del settore che si interfacceranno per affrontare il tema “Servizi per l’impiego”;

b) la premiazione della tesi di dottorato di ricerca promosso dalla Fondazione.

Quello dei servizi per l’impiego è un tema molto delicato e complesso che rientra tra gli obiettivi politici dell’attuale Governo.

Donofrio 30 31 1Ed è anche un tema molto caro a molti di noi, perché nel passato eravamo noi ad occuparci di politiche del lavoro. Alcuni tra noi erano anche impiegati in uffici che sarebbero poi stati denominati centri per l’impiego. Eravamo, in altre parole, i professionisti del pubblico impiego con il compito precipuo di facilitare l’incontro domanda-offerta fintanto che il Legislatore non ha ritenuto opportuno trasferire le funzioni alle Regioni, alle Province alla luce dei cambiamenti intervenuti nella società e, di conseguenza, per la necessità di intervenire, modificare e correggere per meglio affrontare e risolvere le problematiche collegate alla disoccupazione intesa in senso esteso. Sono state introdotte nuove tipologie di lavoro. L’attività del collocamento è stata sottratta al monopolio dello Stato consentendo al settore privato di svolgere attività di incontro domanda/offerta di lavoro.

Allo stato attuale il Ministero del Lavoro sembra assumere solo un ruolo di orientamento. Non è più, quindi, il centro propulsivo ed operativo che era un tempo anche a seguito del depauperamento delle ulteriori competenze assorbite dall’ANPAL quale ente preposto alle Politiche Attive del Lavoro in attuazione del Jobs Act. È ancora presto per conoscere l’effetto dell’ultima presunta riforma dei servizi per l’impiego, mentre è possibile affermare che siamo ancora lontani dal raggiungere adeguati livelli di occupazione tant’è, e giustamente a mio parere, altri interventi modificativi vengono preannunciati dall’attuale Governo.

So di non aver detto niente di nuovo a questa platea che annovera persone e professionisti che si sono prodigati e si prodigano ancora nell’ambito delle politiche attive del lavoro. Ma ci tenevo a sottolineare la duplice importanza che riveste per noi della Fondazione il tema oggetto della Tavola Rotonda.


Donofrio 30 31 3Il secondo momento di questo incontro, che vede la consegna del premio intitolato alla memoria del Prof. D’Antona, è per noi della Fondazione motivo di orgoglio, perché andiamo a premiare lavori importanti, fatti bene, quasi sempre elaborati da giovani colleghi, non necessariamente in termini anagrafici. Si tratta di elaborati in materia di diritto del lavoro e della previdenza sociale che, appunto, si sono distinti a giudizio della preposta Commissione di valutazione, nominata di volta in volta.

In questo caso andremo a premiare una giovane collega, funzionario ispettivo che presta servizio presso l’ufficio territoriale del Lavoro di Torino e che ha elaborato una tesi di dottorato avente ad oggetto l’uso distorto e patologico dei contratti cosiddetti “non standard” in ambito sanitario che sarà meglio descritta nel prosieguo della giornata.


Lascio la parola ad Antonio Ventrelli, consigliere della Fondazione che in questa occasione assume il ruolo di coordinatore della tavola rotonda. Nel lasciargli la parola lo ringrazio in anticipo e ringrazio nuovamente tutti i presenti. Quadrato Rosso

[*] Presidente della Fondazione Prof. Massimo D’Antona (Onlus)

Condividi l'articolo su:

© 2013-2018 - Fondazione Prof. Massimo D'Antona