x
Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Olivieri Pennesi 2Lavorerai con il sudore della tua fronte

di Stefano Olivieri Pennesi

Riformare il lavoro appare essere uno degli elementi maggiormente qualificanti per l’azione del Governo in carica. Il Jobs Act, fin dal suo esordio, nel dibattito politico e socio-culturale, ha rappresentato il campo di battaglia che ha visto contrapporsi visioni diametralmente opposte dell’elemento fondante del concetto lavoro, in un alveo che per intrinseca natura è dispensatore di “dignità” umana, in un contesto condiviso di regole.

È proprio questa visione che non esiterei a definire “lavorocentrica” che ci conduce ragionevolmente fuori da concezioni utopistiche nonché elemento del vissuto umano, di valore inestimabile, per la crescita equilibrata della società complessivamente intesa.

Il lavoro e i suoi interpreti devono necessariamente essere governati con pragmatismo, dignità e libertà non devono rappresentare concetti contrapposti, ma bensì fondersi in un ambito di diritti e doveri non scalfibili da cicli economici, emergenze sociali, sistemi di governo o quanto altro mutevole nei sistemi sociali.

Eminenti studiosi della materia lavoristica si sono confrontati e spesso scontrati su cosa era necessario fare per “favorire l’occupazione” e al contempo sterilizzare situazioni di ingiustizia sociale legate alla presenza o assenza di “tutela” del lavoro sia dal punto di vista della stabilità, sia per quanto riguarda la sua normazione legata alle varie tipologie e fattispecie.

[Continua a pag 2]

> Leggi tutto

Lavoro pubblico e privato, ancora interventi importanti all’orizzonte. Quanto necessari?

di Claudio Palmisciano

Per gli studiosi dei problemi che riguardano il lavoro l’anno 2015 si presenta particolarmente intenso e impegnativo per effetto di una serie importante di provvedimenti – che riguardano sia il lavoro privato che quello pubblico – su cui il Governo ha iniziato a legiferare con l’intento di portarli in esecuzione nel suo complesso entro i prossimi mesi.

Sul fronte del lavoro privato l’impegno del Governo è tutto puntato nella approvazione dell’insieme di norme, definite sinteticamente jobs act, che trova la sua concretizzazione in una serie articolata di provvedimenti che hanno impegnato ed impegneranno il Parlamento, il Consiglio dei Ministri e, in fase di attuazione, i singoli Ministeri [...]

[Continua a pag 6]

> Leggi tutto

Benessere organizzativo fattore incentivante per l’attività del pubblico dipendente

di Maurizio Tedeschi

“Efficienti perché pubblici” il bel titolo di una serie di interessanti pubblicazioni dell’Università degli Studi di Ferrara qualifica e sintetizza, a mio parere, in modo preciso il vero valore aggiunto della attività del pubblico dipendente. Afferma l’efficienza come dovere e come valore in quanto si svolge un servizio a vantaggio della Nazione ed a favore di tutti i cittadini. Basta leggere l’art. 3 del D.P.R. 16 aprile 2013 n. 62 (Regolamento recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165) pubblicato sulla G.U. n. 129 del 4.06.2013 per rendersene conto. Il primo comma già stabilisce che “il dipendente osserva la Costituzione, servendo [...]

[Continua a pag 9]

> Leggi tutto

© 2013-2018 - Fondazione Prof. Massimo D'Antona