x
Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più, clicca qui. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.
No

Di Lalla 13 2Le grandi riforme del lavoro per un futuro migliore della nostra comunità

Intervista al Ministro Poletti a cura di Fabrizio Di Lalla

Pubblichiamo l’intervista che il Ministro Poletti ha voluto concederci su alcuni temi di scottante attualità per l’intera collettività nazionale e nello specifico per gli operatori che lavorano nelle varie strutture pubbliche che svolgono funzioni di vigilanza e di politica attiva del lavoro. Le risposte non sono per nulla banali, ma, piacciano o no, rappresentano in modo franco la sua visione del mondo del lavoro e chiariscono la terapia che sta portando avanti basata sulla convinzione che essa potrà contribuire a dare alla nostra comunità una prospettiva concreta per un futuro migliore.

Se ci riuscirà gliene saremo tutti grati nella convinzione che il lavoro rappresenta l’elemento fondamentale della dignità umana. Per alcuni aspetti del suo programma non credo che dovremo attendere molto.

[Continua a pag 2]

> Leggi tutto

Pubblico impiego
in primo piano

di Claudio Palmisciano

Ancora maghi del cartellino, ancora il Pubblico Impiego nell’occhio del ciclone. Dopo il brutto episodio che ha riguardato il comune di San Remo, che ha assunto toni ancora più colorati a causa del timbratore in mutande, nove dipendenti del Museo nazionale di Arti e tradizioni popolari di Roma sono riusciti a dare il meglio di sé: arrivavano al lavoro, timbravano il cartellino per se stessi e per conto di colleghi e poi andavano via. C'era chi si recava presso il negozio di frutta e verdura del marito invece di stare al proprio posto e chi andava regolarmente a giocare presso un centro di scommesse sportive della zona.

[Continua a pag 4]

> Leggi tutto

Fondamentale il capitale umano per l’efficienza della Pubblica Amministrazione

di Paola Poggipollini

Quali sono i bisogni di un'amministrazione pubblica che intenda stare al passo con i tempi e che accetti la sfida del cambiamento conseguente all'attuazione di importanti riforme istituzionali?

Certamente una delle esigenze riguarda l'assetto organizzativo, che è destinato a cambiare con il modificarsi delle strutture amministrative (unione e fusioni di comuni, soppressione delle province, riorganizzazione delle regioni, nuovi assetti dei ministeri).

[Continua a pag 6]

> Leggi tutto

© 2013-2018 - Fondazione Prof. Massimo D'Antona